Blog: Il cloud computing spiegato in modo semplice: definizione, modelli di servizio e vantaggi

19.10.2022 | Alpin Digitization Blog Enterprise Content Management

” Nulla è durevole quanto il cambiamento “: lo riconosceva già il filosofo greco Eraclito di Efeso circa 2.500 anni fa. Non sorprende quindi che anche la situazione del mercato sia cambiata notevolmente negli ultimi decenni. Il forte aumento dell’internazionalizzazione, la crescente trasparenza delle offerte attraverso Internet e il rapido progresso tecnologico sono solo alcune delle numerose sfide che i fornitori devono affrontare oggi. Per rimanere competitivi, la gestione aziendale basata sui dati è essenziale.

Il cloud computing per gestire i Big Data

L’archiviazione, l’elaborazione e l’analisi di grandi quantità di dati richiedono enormi capacità di archiviazione e potenza di calcolo. I sistemi informatici gestiti localmente non sono più in grado di soddisfare questi requisiti, o lo sono solo a costi considerevoli. Il cloud computing, invece, è stato progettato per gestire i Big Data e offre molti altri vantaggi, come un’elevata flessibilità e scalabilità, oltre a una maggiore produttività e sicurezza.

L’80% delle aziende utilizza il cloud computing

Anche per questo motivo, è difficile immaginare l’oggi senza questa tecnologia. Secondo uno studio Bitkom commissionato da KPMG, nel 2021 oltre l’80% delle aziende tedesche utilizza già il cloud computing. Ma cos’è esattamente il cloud computing? Questo articolo affronta queste e altre questioni centrali, nonché i principali vantaggi del cloud computing.

Che cos’è il cloud computing?

Purtroppo non è ancora stata stabilita una spiegazione universalmente valida per questo termine. Tuttavia, i seguenti approcci definitori si sovrappongono nel loro significato e mostrano cosa si intende per cloud computing:

Il cloud computing spiegato in modo semplice

Secondo il Gabler Wirtschaftslexikon, il cloud computing comprende “tecnologie e modelli commerciali per fornire risorse informatiche in modo dinamico e per addebitarne l’uso secondo modelli di pagamento flessibili”. Invece di gestire le risorse IT, ad esempio i server o le applicazioni, in data center di proprietà dell’azienda, queste sono disponibili su richiesta e in modo flessibile sotto forma di un modello di business basato sui servizi via internet o intranet”.

Definizione di cloud computing secondo il NIST

Tuttavia, la seguente definizione del National Institute of Standards and Technology (NIST) statunitense è sempre più utilizzata in letteratura:

Il cloud computing è un modello per abilitare, tramite la rete, l’accesso diffuso, agevole e a
richiesta, ad un insieme condiviso e configurabile di risorse di elaborazione (ad esempio reti,
server, memoria, applicazioni e servizi) che possono essere acquisite e rilasciate rapidamente e
con minimo sforzo di gestione o di interazione con il fornitore di servizi. Questo modello cloud è
composto da cinque caratteristiche essenziali, tre modalità di servizio e quattro modelli di
distribuzione.


Il modello di cloud computing in sintesi

Le caratteristiche principali del modello di cloud computing sono cinque:

  • On-demand Self Service: le risorse vengono fornite automaticamente senza interazione con il fornitore di servizi.
  • Broad Network Access: le risorse sono disponibili via Internet con meccanismi standard e possono essere utilizzate con dispositivi mobili come smartphone, tablet o computer.
  • Resource Pooling: le risorse sono disponibili in un pool centrale da cui possono attingere molti utenti (architettura multi-tenancy). È possibile stabilire contrattualmente il luogo di archiviazione (ad esempio, regione, paese o centro dati).
  • Rapid Elasticity: la capacità delle risorse si adatta rapidamente ed elasticamente alla domanda corrente. Per il consumatore, la capacità appare quindi infinita.
  • Measured Service: l’uso delle risorse può essere misurato, monitorato e ottimizzato automaticamente, creando trasparenza sia per il fornitore che per il cliente.

Quali sono le forme di fornitura del cloud computing?

Nel contesto del cloud computing, viene fatta una distinzione fondamentale tra le forme di fornitura del cloud privato e del cloud pubblico:

Cosa significa private cloud?

Nel cosiddetto cloud privato, l’infrastruttura è fornita ad uso esclusivo di una singola organizzazione. L’operazione può essere assunta dall’organizzazione stessa o da una terza parte. È anche possibile configurare il cloud privato sull’hardware dell’organizzazione o utilizzare un data center esterno.

Cosa significa public cloud?

A differenza del cloud privato, il cloud pubblico è fornito da uno specifico fornitore di cloud pubblico per l’utilizzo da parte del pubblico in generale, cioè diversi utenti condividono la stessa infrastruttura. Il fornitore di servizi si occupa della gestione e fornisce l’hardware nei propri locali.

Modelli di servizio in sintesi

Per il cloud privato e pubblico, esistono anche diversi servizi di cloud computing tra cui scegliere. Gli utenti possono quindi generalmente affidarsi ai seguenti modelli di servizio dei fornitori di cloud computing:

Infrastructure as a service (IaaS): Con l’Infrastructure as a Service, solo l’infrastruttura IT fisica di base (rete, archiviazione dati e potenza di calcolo) viene offerta come servizio. Il cliente ha quindi la possibilità di configurare i propri servizi (ad esempio un sistema operativo con applicazioni di sua scelta) per uso interno o esterno.

Platform as a service (PaaS):Questo modello si rivolge principalmente agli sviluppatori di applicazioni e agli architetti di sistema. Il fornitore di servizi fornisce una piattaforma su cui il proprio software può essere sviluppato, testato ed eseguito con gli strumenti esistenti. Il cliente non ha accesso ai livelli sottostanti, come l’hardware e il sistema operativo.

Software as a service (SaaS): Nel contesto del Software as a Service, vengono rese disponibili applicazioni standardizzate rivolte direttamente all’utente finale. Le applicazioni vengono eseguite centralmente su un server del fornitore e rese disponibili via Internet. Questo elimina la necessità di un’installazione locale. Allo stesso modo, non è necessario un hardware dedicato. Il fornitore SaaS è responsabile del funzionamento e della manutenzione del software. I servizi SaaS sono solitamente fatturati secondo il principio del “pay per use”, in cui l’utente paga solo per i servizi effettivamente utilizzati.

La panoramica: Servizi di cloud computing a confronto

Il grafico seguente illustra in sintesi le differenze tra i singoli modelli di servizio:

 Servizi di cloud computing a confronto

Migrazione al cloud con le soluzioni d.velop

Le soluzioni di d.velop AG sono offerte come “Software as a Service”, in modo che il cliente non abbia bisogno di un proprio hardware né debba occuparsi del funzionamento e della manutenzione dei servizi. Oltre al sollievo che ne deriva per i colleghi informatici, la migrazione al cloud porta con sé ulteriori effetti positivi. Maike Tenk rivela nell’articolo quali sono i vantaggi e come una migrazione al cloud può avere successo: In 5 passi per la migrazione del DMS al cloud.

I 7 vantaggi più importanti del cloud computing per le aziende

1. Pagare solo ciò di cui si ha realmente bisogno.

Nelle aziende non è raro trovare hardware inutilizzato, memoria libera o licenze inattive. Ma questo significa anche costi inutili. Oppure avete una panoramica esatta delle risorse che utilizzate nella vostra azienda? I server cloud offrono un rimedio in questo caso. Niente più costi inutili per lo storage non utilizzato, le licenze non utilizzate o persino il funzionamento e il raffreddamento dei server. Se si utilizza una determinata soluzione con cinque utenti, è esattamente quello per cui si paga. Tenere traccia dei costi.

2. Rimanere sempre aggiornati sulle ultime tecnologie.

Mantenere aggiornate le soluzioni software richiede di solito molto lavoro. È necessario installare regolarmente nuove patch, aggiornamenti e hotfix. Dopo tutto, non volete solo beneficiare delle innovazioni, ma anche delle ultime release di sicurezza. Se si utilizza un software nel cloud, è necessario utilizzare anche la tecnologia cloud più recente. Perché i gestori dei rispettivi software assicurano sempre la versione corrente, l’installazione degli aggiornamenti e delle patch e la manutenzione dei sistemi cloud.

3. Con la crescita della vostra attività, cresce anche la vostra soluzione.

La vostra azienda si sta espandendo, con l’assunzione di nuovi dipendenti o l’aumento del volume di dati? Con le soluzioni cloud, è sufficiente aggiungere altri diritti utente e lo spazio di archiviazione cresce automaticamente con voi in base alle vostre esigenze.

4. Aumentare la sicurezza dei vostri dati.

Questo può sembrare un po’ confuso: esternalizzare i dati nel cloud significa renderli più sicuri? Sì. Perché la maggior parte dei server cloud soddisfa standard di sicurezza molto più elevati rispetto alle normali soluzioni server, soprattutto nelle piccole e medie imprese. Per saperne di più su questo argomento, consultate il post Sicurezza del cloud: quanto sono sicuri i servizi cloud?

5. Lavorare come al settimo cielo: Dove volete, quando volete.

Viaggiate molto per lavoro? Avete filiali in luoghi diversi e con fusi orari diversi? Oppure avete un ufficio a domicilio nella vostra azienda? Se create la vostra “postazione di lavoro nel cloud”, non siete legati a una sede fissa. Le soluzioni sono disponibili nel browser web e non è necessario seguire il percorso piuttosto macchinoso della VPN.

6. Prenotate i servizi e utilizzateli direttamente.

Come servizi facilmente consumabili, le soluzioni cloud dovrebbero essere utilizzate allo stesso modo. Prenotate un servizio e iniziate. Nessun lungo scenario di installazione, nessuna stima degli sforzi, nessun lungo tempo di esecuzione del progetto – “software out of the box”.

7. Concentrazione sulla propria attività.

Il vostro core business è probabilmente in settori diversi dall’amministrazione del vostro software. Lasciate questo compito allo specialista, al produttore. Concentratevi completamente sul vostro core business e aumentate così il vostro vantaggio competitivo.

d.velop cloud – Completamente staccato dai server

d.velop offre servizi cloud che sono stati sviluppati proprio sulla base di questi vantaggi del cloud computing – prenotabili in modo flessibile e facili da usare. Sperimentate la gestione dei documenti in modo nuovo, rapido e semplice, senza lunghe fasi di introduzione. Beneficiate direttamente delle funzionalità DMS dedicate, come l’archiviazione conforme alla legge o l’espansione del vostro sistema CRM per includere i documenti relativi al contesto. Non da ultimo, grazie ai fattori citati, il cloud computing è considerato uno dei principali trend che daranno un’impronta significativa alla trasformazione digitale nel 2022.

Se avete altre domande in merito siamo a vostra disposizione:

    Fonte: d.velop blog, 06.04.2022, Autore Tim Wohlert, “Cloud Computing einfach erklärt – Definition, Servicemodelle und Vorteile im Überblick”

    Weitere News: Enterprise Content Management - e-Business - Software Entwicklung